Come funziona l’iper ammortamento

iper ammortamento come funziona

Come funziona l’iper ammortamento

Come funziona l’iper ammortamento è una delle domande che ci vengono poste molto di frequente dalle nostre imprese associate.

L’iper ammortamento è un’agevolazione destinata ad incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, acquisiti anche in leasing, con l’obiettivo di favorire i processi di trasformazione tecnologica digitale secondo il modello Industria 4.0.

Di fatto, l’iper ammortamento consente di ammortizzare tali beni per un importo superiore al loro valore.

La normativa ha subito varie modifiche dalla sua introduzione con la legge di bilancio 2016.

In origine, la percentuale dell’agevolazione era pari al 150%, la legge Finanziaria 2019 ha modificato la misura dell’agevolazione prevedendo una serie di scaglioni di investimento in modo che anche le PMI possano accedere al beneficio che, fino all’introduzione di questa modifica, era stato prevalentemente utilizzato dalle grandi imprese con maggiori capacità economiche.

La legge di bilancio 2020 ha operato una ridefinizione della disciplina degli incentivi fiscali collegati al “Piano nazionale Impresa 4.0” e, in particolare, di quelli concernenti gli investimenti in:

  • beni strumentali
  • attività di ricerca e sviluppo
  • innovazione tecnologica
  • altre attività innovative
  • formazione 4.0.

Viene riconosciuto un credito di imposta dal 20% (per investimenti fino a 2,5 milioni di euro) al 40% (per investimenti tra 2,5 e 10 milioni di euro) per gli investimenti in beni strumentali materiali tecnologicamente avanzati e un credito di imposta del 15% per gli investimenti in beni strumentali immateriali.

 

 

Quali investimenti sono iper ammortizzabili?

I beni oggetto dell’agevolazione devono essere riconducibili a progetti di sviluppo imprenditoriale che consentano un’evoluzione digitale dell’impresa (cd. Industria 4.0).

La maggiorazione riguarda gli investimenti in beni strumentali nuovi e non spetta per gli investimenti in beni a qualunque titolo già utilizzati.

I beni agevolabili sono:

  • beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestiti tramite opportuni sensori e azionamenti
  • sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità
  • dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro

sempre in logica 4.0.

Quando acquistare?

Il diritto al beneficio fiscale sorge per gli acquisti dei beni in corso d’anno.

Tuttavia è agevolabile anche l’acquisto di un bene per cui sia stato fatto l’ordine con il pagamento di almeno il 20% di anticipo entro il 31 dicembre dell’anno in corso purché la consegna del bene avvenga entro il 30 giugno dell’anno successivo.

Per gli investimenti in iper ammortamento superiori a 300 mila euro per singolo bene è necessaria una perizia tecnica giurata da parte di un perito o ingegnere iscritti nei rispetti albi professionali, attestante che il bene possiede caratteristiche tecniche tali da includerlo tra i beni agevolabili.

Come funziona l’iper ammortamento?

Il beneficio dell’iper ammortamento non è più una maggiorazione del coso di acquisto del bene ma diventa un credito di imposta da utilizzarsi tramite compensazione nel modello di versamento F24.

La compensazione del credito di imposta:

  • deve avvenire in 5 quote annuali di pari importo;
  • ha inizio dal periodo di imposta successivo a quello di entrata in funzione o a quello di interconnessione per i beni 4.0

Ad esempio, se l’impresa acquista un bene materiale del valore di 200.000 euro, entrato in funzione nel 2020, potrà godere di un credito di imposta pari a 80.000 euro (200.000 * 40%) da ripartire in 5 quote costanti da 16.000 ciascuna. Tale credito potrà essere compensato a partire dall’anno 2021 e fino all’anno 2025.

Beni immateriali agevolabili

Connesso all’iper ammortamento è l’investimento in beni strumentali immateriali tra cui:

  • software
  • sistemi e system integration
  • piattaforme e applicazioni per la progettazione e qualificazione delle prestazioni e produzioni. In questo caso, il costo di acquisizione di tali beni era maggiorato del 40%.

Tale beneficio spetta però solo alle imprese che già fruiscono dell’iper ammortamento.

Oggi, con le modifiche introdotte dalla legge di bilancio per il 2020, il credito d’imposta riconosciuto è nella misura del 15% del costo, con limite massimo agli investimenti pari a 700.000 euro.

Informazioni su come funziona l’iper ammortamento 

I nostri uffici territoriali di Consulenza Fiscale e Societaria sono a tua disposizione per informazioni e chiarimenti.

About the Author /

sbernasconi@cnavarese.it

Lascia un commento

come-funziona-l-039-iper-ammortamento-cna-varese