Le misure valide in Regione Lombardia dopo DPCM del 18 ottobre e Ordinanza n.620

Cosa fare in Regione Lombardia dopo DPCM e Ordinanza

Le misure valide in Regione Lombardia dopo DPCM del 18 ottobre e Ordinanza n.620

Nel fine settimana è stato firmato il nuovo DPCM del 18 ottobre, valido dal 21 ottobre al 13 novembre 2020 e l’Ordinanza n.620 di Regione Lombardia, valida dal 17 ottobre al 6 novembre.

Di seguito una sintesi delle disposizioni valide sul territorio lombardo.

 

 

Obbligo dell’uso della mascherina

Resta l’obbligo di indossare la mascherina, anche quando si entra in casa di persone con cui non si abita abitualmente. (DPCM)

Chiusure vie e piazze

I sindaci potranno chiudere l’accesso alle vie e alle piazze dove si potrebbero creare assembramenti. (DPCM)

Zone Rosse

Regioni e Comuni potranno istituire zone rosse e introdurre misure più restrittive. (DPCM)

Scuola

Si va avanti con le lezioni in presenza. (DPCM)

Per le secondarie di secondo grado verranno favorite modalità più flessibili di organizzazione della didattica (orari ingressi; turni pomeridiani). (DPCM)

Le scuole secondarie di secondo grado e le istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado organizzano le attività didattiche con modalità a distanza alternate ad attività in presenza, ad eccezione delle attività di laboratorio. (Ordinanza)

Viene incentivata la didattica a distanza e piani didattici più elastici anche per le università. (DPCM)

Ristorazione

Le attività di ristorazione sono consentite dalle 5:00 alle 24 nei locali con tavoli e dalle 5 alle 18:00 senza tavoli. (DPCM e Ordinanza)

È vietata la vendita per asporto di qualsiasi bevanda alcolica da parte di tutte le tipologie di esercizi pubblici, nonché da parte degli esercizi commerciali e delle attività artigianali dalle ore 18.00. (Ordinanza)

Sono chiusi dalle 18.00 alle 6.00 i distributori automatici cosiddetti “h24” che distribuiscono bevande e alimenti confezionati, con affaccio sulla pubblica via; tale misura non si applica ai distributori automatici di latte e acqua. (Ordinanza)

È vietata dalle 18.00 alle 6.00 la consumazione di alimenti e bevande su aree pubbliche. (Ordinanza)

È sempre vietato il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico. (Ordinanza)

I tavoli, nelle attività di ristorazione, potranno essere al da massimo 6 persone e saranno potenziate le misure di tracciamento. (DPCM)

Ogni ristorante dovrà affiggere cartelli con la capienza massima consentita, in linea con i protocolli anti-contagio. (DPCM)

Consentita la consegna a domicilio senza limite di orario e l’attività d’asporto fino alle 24:00. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio (Ordinanza)

Nessuna limitazione di orario per attività di ristorazione all’interno di ospedali, aeroporti, autostrade. (DPCM e Ordinanza)

Bingo e Sale Giochi

Sono sospese le attività delle sale giochi, sale scommesse e sale bingo. (Ordinanza)

È sospeso il gioco operato con dispositivi elettronici del tipo slot machines, comunque denominati, situati all’interno degli esercizi pubblici, degli esercizi commerciali e di rivendita di monopoli. (Ordinanza)

Sport

Vietati sport amatoriali di contatto e le gare dilettantistiche. (DPCM)
Consentita l’attività sportiva in forma individuale e quella professionistica. (DPCM)

Sospensione degli sport di contatto dilettantistici a livello regionale e locale. (Ordinanza)

Sono sospese tutte le gare, le competizioni e le altre attività, anche di allenamento, degli sport di contatto, come individuati con provvedimento del Ministro dello Sport del 13 ottobre 2020, svolti a livello regionale o locale ‒ sia agonistico che di base ‒ dalle associazioni e società dilettantistiche. (Ordinanza)

Sagre, Fiere, Congressi e Convegni

Vietate le sagre e le fiere locali. (DPCM)

Consentite le fiere nazionali e internazionali. (DPCM)

Vietate le attività convegnistiche e congressuali, se non in modalità a distanza. (DPCM)

Le riunioni dovranno tenersi a distanza. (DPCM)

Palestre

Le palestre avranno 1 settimana per adeguare le attività ai protocolli, se non verranno rispettati verranno chiuse. (DPCM)

Smartworking

Verranno incrementate le modalità di ricorso allo smartworking. (DPCM)

Misure Restrittive

I sindaci possono adottare ulteriori misure restrittive, anche in relazione al divieto assoluto di assembramento, e devono assicurare massima collaborazione ai fini del controllo sul rispetto delle presenti misure. (Ordinanza)

 

Per Approfondire

Tutti gli articoli sulla Fase 2

About the Author /

cna@cnavarese.it

Lascia un commento

cosa-fare-in-regione-lombardia-dopo-dpcm-e-ordinanza-cna-varese