senato 2OK del Senato al DDL sulle professioni che ora torna alla Camera per l'approvazione definitiva

Il Senato ha approvato ieri 15 novembre, in seconda lettura, il disegno di legge sulle professioni non regolamentate con 191 sì, 9 no e 45 astenuti. Il DDL è stato in parte modificato e quindi torna all'esame della Camera.

berloffa dxmalavasi dxUn grande lavoro, un grande impegno con la CNA in prima fila, dal Presidente Nazionale Ivan Malavasi che scrive al Presidente del Senato Schifani per richiamare l'attenzione sull'importanza per il nostro Paese del DDL sulle professioni non regolamentate che occorre approvare e non mortificare, al Presidente di CNA Professioni Giorgio Berloffa impegnato in un lavoro quotidiano estenuante di confronto, incontro, comprensione e mediazione sempre con l'obiettivo di arrivare all'approvazione del DDL.

sangalliGCsenatriceFioroniUn forte impegno anche da parte del Senatore Gian Carlo Sangalli, già segretario nazionale della CNA, che ha evitato che il DDL venisse eccessivamente modificato rispetto allo spirito del testo proveniente dalla Camera, e della Senatrice Fioroni sempre convinta nella necessità del provvedimento.

senato 2La Commissione Bilancio del Senato ha espresso parere favorevole al Disegno di Legge n.3270, in materia di Professioni non organizzate in Ordine o Collegi


berloffa dxE' un atto molto importante, ha dichiarato Giorgio Berloffa, Presidente di CNA Professioni, perché questo passaggio fa avvicinare il momento del riconoscimento sostanziale a tutta una serie di attività professionali vitali per la nostra economia e per la nostra società.

E' anche la conferma del successo dell'azione politica condotta da CNA PROFESSIONI, che ha dato sostegno al disegno di legge sviluppando la massima collaborazione istituzionale prima alla Camera dei Deputati ed ora al Senato della Repubblica.

L'ulteriore parere favorevole dimostra, prosegue Berloffa, come la CNA abbia avuto la giusta intuizione nell'andare a costituire CNA Professioni che ha subito inteso richiamare l'attenzione dei gruppi parlamentari, degli operatori, dei mass media, degli enti normativi, sull'importanza di andare all'approvazione di una legge che in buona sostanza risponde a semplici domande: chi sa fare cosa, come lo sa fare, come ha imparato a farlo a garanzia del cittadino consumatore.

giureconsultiUn successo il convegno di CNA Professioni che si è tenuto a Milano il 22 marzo

Professioni & Regolamentazione

Vi hanno preso parte rappresentanti di tutte le associazioni professionali affiliate CNA.

Interventi della Camera di Commercio, del Presidente della Commissione Commercio e attività produttive del Comune di Milano, della Regione Lombardia tramite l’assessore all’Occupazione e alle Politiche del Lavoro


Tutto bene. Tutto come da programma. I cento posti della Sala Colonne erano tutti occupati, altre persone si trovavano ai desk delle associazioni allestiti nella Sala esposizioni di Palazzo Affari ai Giureconsulti.

Stiamo riportando del convegno di CNA Professioni che si è svolto il 22 marzo a Milano, la prima uscita pubblica in Lombardia a seguito della costituzione del nuovo raggruppamento che ha portato i “professionisti non regolamentati” nel sistema di rappresentanza della CNA. 22 le associazioni affiliate, quindi entrate a far parte di CNA Professioni sin dalla partenza, cui aderiscono oltre 12.000 “nuovi professionisti.” >>>

Perché nasce CNA Professioni

gruppo_cnaIn Italia vi sono 5 milioni di professionisti, di cui 1.800.00 iscritti agli ordini e 3.200.000 non regolamentati. Il notevole sviluppo che anche nel nostro Paese hanno conosciuto le attività professionali è strettamente legato ai caratteri della crescita economica nella società post industriale. Occorre una nuova rappresentanza


Nel rapporto CENSIS 2007 si afferma che il numero dei professionisti in Italia è di circa 5 milioni, di cui 1.800.00 iscritti agli ordini e 3.200.000 non regolamentati. Le Associazioni Professionali che rappresentano le professioni non regolamentate, inserite nell’ultimo rapporto del CNEL sono circa 200, in rappresentanza di 70 nuove professioni. Inoltre sono state censite dall’ISTAT ben 811 diverse attività professionali che combinandosi compongono un numero imprecisato di profili professionali. Questi alcuni punti di riferimento per avere una prima, sommaria dimensione del fenomeno di cui dobbiamo occuparci.

Cosa sono le nuove professioni. Lo straordinario sviluppo che anche nel nostro Paese hanno conosciuto le attività professionale è strettamente legato ai caratteri della crescita economica nella società postindustriale. Per un verso l’economia della conoscenza, per altro il diffondersi di nuovi servizi alla persona ed ai sistemi produttivi, hanno creato una inedita domanda di prestazioni che ha assunto, al di fuori di contesti organizzativi tipici della grande impresa, nella grande maggioranza dei casi, un carattere di autoimprenditorialità professionale. Con ciò si intende che queste attività vengono prestate principalmente dal singolo operatore o nell’ambito di una piccola unità, su richiesta di imprese o di singoli, per un periodo di tempo delimitato e con un obiettivo ben individuato, secondo modalità e tecniche consolidate in un profilo professionale che ha un iter formativo certo d’un contenuto, almeno in parte, intellettuale. >>>

cna_professioni_tavolo_prunecchiCon 21 associazioni aderenti

Nasce CNA Professioni

La nuova sigla comprende, già dalla sua partenza, 21 associazioni professionali che rappresentano diverse categorie: dai naturopati ai tributaristi, dai periti in infortunistica stradale ai bioingegneri.

A seguito delle modifiche statutarie apportate dall’Assemblea Nazionale CNA del 24 novembre u.s. e della delibera della Direzione del 14 dicembre che ha accettato le richieste di affiliazioni di un gruppo di associazioni professionali, nasce CNA Professioni e include sotto la sua sigla, già dalla partenza, ben 21 associazioni in rappresentanza di altrettante categorie professionali. >>>